Passaggio della ISS

Suggestiva immagine della traccia lasciata dal passaggio della Stazione Spaziale Internazionale sopra i cieli ed i monti dell’Ossola, quella ripresa da Paolo Di Centa il 13 Gennaio 2015, intorno alle ore 6 di mattina, da Preglia di Crevoladossola.

Non è necessaria un’ attrezzatura specifica per questo genere di riprese: una buona camera compatta ( anche se non possiede la posa B) ed una valida fonte di effemeridi aggiornate per la località osservativa. Per quanto riguarda questo punto, il miglio sito di effemeridi è probabilmente  CallSky . Qui, una volta registratisi ed inseriti i propri dati geografici, si può consultare il passaggio di qualsivoglia oggetto celeste naturale o artificiale che sia.Se lo si desidera è poi fornito un servizio di e-mail alert, tempestivo ed accurato a tal punto da essere avvisati più volte se i parametri orbitali(specie degli oggetti come la ISS), dovessero mutare inopinatamente. Le rappresentazioni che seguono, riferite al passaggio della Stazione per l’alba del 13 gennaio, sono presi proprio da CallSky. Un altro sito interessante è http://iss.astroviewer.net/index.php. Qui si può visualizzare in tempo reale il territorio terrestre sorvolato dagli stessi astronauti in questo istante.

ISS

Dati di scatto: Camera Samsung EK-GC200; Focale 39mm (216mm equ su 35mm); apertura f/4.8; tempo di posa 16″ ; esposizione ISO 100. Data 13.01.2015 alle 06.13 TMEC. Autore : Paolo Di Centa.

6h12m11s ISS

t

Ascending Orbit. Earth revolutions since launch: 92390.6

Appears       6h11m39s  -3.0mag  az:321.8° NW   h:26.7°

Culmination   6h12m11s  -3.0mag  az:340.1° NNW  h:28.1°

distance: 804.3km  height above Earth: 416.8km  elevation of Sun: -15°  angular velocity: 0.53°/s

at Meridian   6h12m46s  -2.7mag  az:  0.0° N    h:26.4°

Disappears    6h17m24s   0.8mag  az: 54.5° NE   horizon

Circolo verde:posizione ISS  e area di copertura visuale al momento della fotografia. Tratti gialli e rossi: il cammino al suolo della Stazione spaziale Internazionale, per un intervallo di 2.3 orbite, attorno al momento della fotografia proposta in apertura.  In particolare la traccia rossa è antecedente, quella arancio successiva. La croce verde incida la posizione del fotografo e il cerchiolino giallo, la località terrestre avente il Sole sulla verticale.La linea grigia demarca il confine tra notte e giorno. Grafico: CallSky -Tutti i diritti riservati.

 

 

Traccia del passaggio della ISS nel riferimento celeste, il 13 Gennaio 2015 alle ore 6.12 TMEC. Grafico: CallSky -Tutti i diritti riservati.

Sempre per il tracciamento di satelliti, vi sono poi ottimi software per Pc e Mac. Uno dei più utilizzati, perché potente, bello graficamente, intuitivo e gratuito, è Orbitron. Viene prediletto anche dai radioamatori che amano sentire i “sussurri” dallo spazio. Con l’aggiornamento via internet delle TLE, Orbitron ci permette di ascoltare eventuali comunicazioni a bordo della ISS, tra i membri dell’ equipaggio o in downlink con la Terra, con istituzioni, scuole e radioamatori licenziati.La banda di frequenza maggiormente utilizzata dovrebbe essere  sempre quella dei 145.800 Mhz (nFM). Negli ultimi anni le comunicazioni sono sempre più sporadiche,in quanto Samantha Cristoforetti & co. hanno sempre molto lavoro da svolgere. Può comunque essere interessante mettersi in ascolto della ISS: il suo sorgere sopra il nostro orizzonte è infatti annunciato da una portante radio munita di spostamento doppler, seguita spesso da una serie di bip o altre emissioni caratteristiche.  Ricordiamo che senza licenza si può solo ascoltare!

Andrea.B@Webmaster

About Andrea.B@Webmaster

Di formazione giuridica, da circa 15 anni mi interesso di astronomia ,di aeroplani, di scienza in genere e divulgazione.
This entry was posted in Astro and tagged . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − 6 =